Gianni Borrelli

“Preoccupati per futuro lavoratori Reset dopo la bocciatura dell’Anac. Subito un incontro, non c’è tempo da perdere”.

Palermo. “Siamo seriamente preoccupati per il rischio tracollo in cui versa la Reset, visto che non è stata iscritta dall’Anac nell’elenco delle società in house, e per il futuro di 1.500 lavoratori. Per questo la Uil Palermo chiede un incontro urgente con l’amministrazione comunale per trovare una soluzione in tempi brevi”. Così il segretario Gianni Borrelli che aggiunge: “Circa dieci giorni fa abbiamo avuto un incontro con tutta la giunta comunale e i presidenti delle società partecipate ma nessuno ha sollevato il problema. Anzi lo stesso sindaco Orlando ci ha rassicurato sulla definizione di un percorso che avrebbe garantito il passaggio a full time di tutti i lavoratori della Reset. Per questo la notizia di oggi sul Giornale di Sicilia ci mette in allarme”.