News

Finanziaria, Barone: “Finalmente lo stipendio ai 50mila lavoratori siciliani ma l’emergenza non è finita”.

Economia
Finanziaria, Barone: “Finalmente lo stipendio ai 50mila lavoratori siciliani ma l’emergenza non è finita”.

PALERMO. “Finalmente, dopo una serie di intollerabili rinvii, è stata sbloccata la norma che consente di pagare lo stipendio a 50mila lavoratori siciliani. La mobilitazione del sindacato ha contribuito a sollecitare un atto di responsabilità ad una politica impegnata troppo spesso a litigare. Ma non possiamo certo dirci soddisfatti. A Giugno, infatti, questi problemi si ripresenteranno e i lavoratori vivranno ancora una condizione di emergenza. Alcune sono ancora in piedi, come all’Eas dove gli stipendi sono lontani visto che le risorse in arrivo sono già state ipotecate dai creditori”. Lo dice Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia, che continua: “Per i 1.800 lavoratori degli Sportelli multifunzionali abbiamo fatto in modo che si escludesse il ricorso ai Cocopro ma desso bisogna fare ripartire la macchina burocratica e sbloccare gli stipendi. Ci sono famiglie senza soldi da quasi un anno. E’ necessario soprattutto avviare il percorso di riforma del settore della Formazione professionale, troppe volte annunciato, e mai realizzato”. E il leader della Uil Sicilia precisa: “Per i lavoratori Forestali non è più rinviabile la definizione di progetti di forestazione produttiva e di tutela dell’ambiente, necessari ad evitare ogni anno le consuete emergenze nell’Isola. Bisogna ancora procedere al percorso di stabilizzazione dei “precari” dei Comuni e fare ripartire l’attività di teatri ed enti culturali, fondamentali per la nostra regione. Per questo la Uil Sicilia - conclude il segretario Barone - manterrà lo stato d’agitazione. Faremo sentire la nostra voce e calibreremo le forme di lotta sulla base delle risposte che verranno o non verranno date”.