News

Mico Geraci, ecco la strada intitolata al sindacalista della Uil ucciso dalla mafia

Eventi e Manifestazioni
Mico Geraci, ecco la strada intitolata al sindacalista della Uil ucciso dalla mafia

Palermo. “Ricordo benissimo l’ultima volta che l’ho visto, è stato una settimana prima dell’efferato omicidio. Ero preoccupato e gli chiesi cosa potesse succedergli in una realtà come quella di Caccamo, visto il suo forte impegno politico. Lui cercando di tranquillizzarmi mi disse: «Sono vent’anni che non sparano più». E dopo vent’anni, invece, spararono uccidendo una persona che meritava di sopravvivere. Oggi onoriamo Mico Geraci con l’impegno”.

Tra applausi e commozione, il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo ha partecipato, così, alla cerimonia di intitolazione della via della Giraffa di Palermo al sindacalista ucciso dalla mafia l’8 ottobre 1998.

A fare gli onori di casa il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: “I nostri partigiani siciliani sono stati i sindacalisti, impegnati a difendere la legalità dei diritti pagando anche con la vita. E Mico Geraci ci riporta a questa tradizione. Oggi, il senso di questa toponomastica intelligente è cercare di collegare il ricordo all’impegno. E per fare memoria abbiamo scelto la strada di una scuola”.

In prima fila anche il segretario generale della Uil Sicilia, Claudio Barone: “Impossibile dimenticare la sua bravura e la sua carica umana. Mico Geraci ha condotto una battaglia per la trasparenza e contro le infiltrazioni mafiose raccogliendo un forte consenso nel territorio. E’ questo che dobbiamo trasmettere alle giovani generazioni: il ricordo di chi ha saputo impegnarsi per cambiare le cose fino a pagare con la vita”.

E il figlio di Mico Geraci, Giuseppe ha concluso: “Nulla potrà restituirci mio padre, però non dimentichiamo che ci è stato sottratto in modo violento. Gli hanno sparato. C’è stato un omicidio, ci sono state persone che si sono sostituite al Padre eterno. Per questo voglio i responsabili e un processo. Iniziative come queste sono un’occasione per potere gridare la mia richiesta di giustizia”.