News

Uniat, proroga degli sfratti per il 2014. Anziani e disabili a rischio

Politiche Sociali
Uniat, proroga degli sfratti per il 2014. Anziani e disabili a rischio

"Non solo rincari delle tasse sulla casa nel 2014. Col nuovo anno arriverà anche una raffica di sfratti a danno di anziani, disabili, e malati che rischiano di perdere la propria abitazione". Lo sostiene l’Uniat, che ricorda come il prossimo 31 dicembre scadrà la proroga di un anno all´esecuzione degli sfratti. Dal prossimo 1 gennaio, quindi - sottolinea l´associazione degli inquilini - diverranno esecutivi gli sfratti a danno di migliaia e migliaia di utenti. Si tratta di famiglie che, a causa della crisi economica non riescono più a pagare gli affitti perché non hanno i soldi per farlo. E i numeri lo dimostrano: i provvedimenti di sfratto emessi mostrano un andamento più o meno costante dal 2001 al 2007, passando da 40.500 a 43.869. Dal 2007 al 2012 si nota, invece, un tendenza all´aumento decisamente più incisiva, (+54,5%). L’Uniat denuncia "l´immobilismo del Governo e della classe politica, e chiede sia prorogata di un altro anno l´esecuzione degli sfratti, in favore di anziani, disabili, malati e famiglie con reddito inferiore ai 27mila euro che non siano in grado di pagare l’affitto. La normativa dettata dalla legge 199/08, confermata dal nuovo provvedimento contenuto nell´articolo 1 comma 412 Legge 24/12/2012 n° 228 (G.U. 302 del 29/12/2012 supplemento ordinario n° 212)dispone che al fine di ridurre il disagio abitativo e di favorire il passaggio da casa a casa per le particolari categorie sociali individuate dall´articolo l, comma l, della legge 8 febbraio 2007, n. 9, in attesa della realizzazione delle misure e degli interventi previsti dal Piano nazionale di edilizia abitativa di cui all´articolo Il del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, l´esecuzione dei provvedimenti di rilascio per finita locazione degli immobili adibiti ad uso abitativo, già sospesa fino al 15 ottobre 2008 ai sensi dell´articolo 22- ter del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, è ulteriormente differita al 31/12/2013 ovviamente oggi per effetto della nuova Legge) nei comuni di cui all´articolo l, comma l, della legge 8 febbraio 2007, n. 9. Sono tanti in Sicilia i Comuni interessati al provvedimento di blocco degli sfratti, di seguito l’elenco: Agrigento - Canicattì - Favara - Licata - Palma di Montechiaro - Porto Empedocle - Raffadali - Sciacca Caltanissetta - Gela - Mazzarino - Mussomeli - San Cataldo Aci Castello - Acireale - Adrano - Belpasso - Caltagirone - Camporotondo Etneo - Catania - Gravina di Catania - Mascalucia - Misterbianco - Motta Sant´Anastasia - Paternò - San Giovanni la Punta - San Gregorio di Catania - San Pietro Clarenza - Sant´Agata li Battiati - Tremestieri Etneo - Valverde - Viagrande Enna - Leonforte - Piazza Armerina Acquedolci - Barcellona Pozzo di Gotto - Brolo - Capo d´Orlando - Gaggi - Malvagna - Merì - Messina - Milazzo - Motta Camastra - Pace del Mela - San Filippo del Mela - Sant´Agata di Militello - Santa Lucia del Mela - Scaletta Zanclea - Spadafora - Taormina - Torregrotta - Valdina - Venetico - Villafranca Tirrena Altofonte - Bagheria - Belmonte Mezzagno - Capaci - Ficarazzi - Isola delle Femmine - Misilmeri - Monreale - Montelepre - Palermo - Torretta - Trabia - Villabate Comiso - Modica - Ragusa - Scicli - Vittoria a Augusta - Avola - Canicattini Bagni - Carlentini - Floridia - Lentini - Melilli - Noto - Palazzolo Acreide - Priolo Gargallo - Rosolini - Siracusa - Solarino Alcamo - Castelvetrano - Erice - Marsala - Mazara del Vallo - Paceco - Salemi - Trapani Pertanto l’Uniat chiede al Governo regionale di farsi interprete del disaggio di migliaia di famiglie ed spingere il Governo Nazionale alla proroga degli sfratti anche per coloro i quali, a causa della crisi in atto risultano morosi considerato che dal 2011 al 2012 gli sfratti sono aumentati nella Regione da 3665 a 3936 con un aumento del 7,4%. Auspichiamo che l’Assessore al ramo abbia un sussulto di attenzione ed intervenga per affrontare con la dovuta determinazione la carenza di alloggi a canoni sociali di cui c’è esigenza in Sicilia ed Palermo in particolare.